Il dito a scatto

Il dito a scatto è una patologia molto frequente che può colpire le dita lunghe della mano o il pollice.

I SINTOMI

La sintomatologia è legata principalmente ad un vero e proprio scatto doloroso del dito durante la flessione e l’estensione. Inizialmente sarà una sintomatologia saltuaria prevalentemente presente al risveglio, successivamente lo scatto diventerà una cosa abituale fino ad arrivare a bloccare il dito o in flessione e in estensione completa, impedendone quindi un corretto utilizzo.

PERCHE’ QUESTO ACCADE? QUAL’E’ LA CAUSA?

I tendini flessori, la cui funzione è quella di piegare le dita, attraversano un canale fibroso (puleggiaA1) che li tiene fissati alle ossa favorendone la fluidità del movimento. Talvolta il canale può restringersi oppure possono aumentare le dimensioni del tendine tanto da impedire un “normale” scorrimento del tendine stesso all’interno del tunnel fibroso. Questa circostanza si presenta solitamente vicino alla piega del palmo della mano. Il paziente accusa il dolore in questa zona che si riflette anche sul dorso delle dita. Frequentemente, lo scatto e il blocco peggiorano durante la notte, e migliorano durante il giorno, quando cioè il dito viene più utilizzato.

TERAPIA

Il trattamento NON chirurgico consiste essenzialmente nelle infiltrazioni di corticosteroidi e anestetici per ridur-
re l’infiammazione e la sintomatologia dolorosa. Se questo trattamento risulta inefficace o si ottiene un risultato tem-
poraneo è opportuno ricorrere alla terapia chirurgica.

Il trattamento chirurgico viene riservato a quei casi resistenti alle tera- pie non chirurgiche.

L’intervento consiste sostanzialmente nell’apertura chirurgica della puleggia fibrosa (canale fibroso) inestensibile che impedisce al tendine di scorrere liberamente. Una volta effettuata l’apertura del tunnel fibroso, il tendine tornerà a scorrere normalmente.

L’intervento viene effettuato in anestesia locale e in regime di Day-Surgery (ricovero di un giorno). Il movimento delle dita sarà possibile anche
nell’immediato post-operatorio;una stecca di gesso deve essere indossata per circa due settimane dopo l’intervento. Dopo circa 15 giorni, in visita ambulatoriale, si valuta l’evoluzione della terapia e si rimuovono i punti di sutura e la stecca. Per altri 15 giorni è opportuno non esercitare sforzi con la mano operata, anche se è necessario mantenere in movimento le dita e il polso.

Condividi sui Social Network